Vocoder per iPhone

Vocoder per iPhone.
Posted in: brevi No Comments tags: ,

How to wreck a nice beach

Autumn kaleidoscope got changed è una ristampa di un vecchio album dei Black Moth Super Rainbow. Inizialmente ho pensato di aver sbagliato file: niente vocoder & tempeste lisergiche & draghi sintetici & infuocati torrenti di luci, ma un album dolcissimo e autunnale, tutto sussurri telefonici e chitarrine delicate che ti accarezzano come vecchi carillon. Tipo:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Black Moth Super Rainbow – Appleworm

Ecco, se invece tanta dolcezza vi spaventa e siete in astinenza da violenza elettronica di tutti i colori dell’4rcob4l3no, sappiate che il nuovo inquietante Tobacco è in giro. Si chiama Maniac Meat e sono presenti almeno 18 voci sintetiche diverse, dal falsetto robotico alla voce horror catarrosa, il tutto nel nome del Fuzz.


Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Tobacco – Constellation dirtbike head

E in tema di voci robotiche segnalo il libro How to wreck a nice beach, che ripercorre l’appassionante storia del vocoder.

Il titolo viene dalla frase “how to recognize speech” (sentire qua per capire: un caso di pareidolia, immagino. come caro amico mio culattone aspettami).

Questo invece è Forest Swords, l’album si chiama Dagger Paths ed è molto bello:


Alaska in Winter – Space Eagle

Nuovo album di Alaska in Winter. Cioè, “Space Eagle” non è un vero nuovo album ma la colonna sonora di un film che se ho capito bene non esiste. In pratica è un nuovo album. Il nostro idolo Brandon Bethancourt, passato dall’indie-folk-pop elettronico malinconico di “Dance party in the balkans” alla dance spaccaculi di Holiday, è ormai diretto verso la sublime tamarrizzazione. Qui usa tutti gli effetti immaginabili con l’evidente obiettivo di annientare il mondo con cascate di synth, flanger, vocoder senza pietà e titoli tipo “Digital angel of death”. Noi ovviamente assistiamo convinti e commossi, in venerazione, convinti che alcuni pezzi potrebbero far parte della colonna sonora del prossimo Tron, se solo il protagonista fosse Vin Diesel. Comunque la copertina dice tutto.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Alaska in Winter – Ghost Pterodactyl

L’album uscirà in cassetta ma si può ascoltare su Last.fm e comprare da Cdbaby. C’è pure l’apposito Myspace con enormi immagini di aquile nello spazio e altre foto imbarazzanti.

Brandon continues to summon the force of german robots with high hopes that we will all experience colorful laser tears of joy.

(Dal suo Myspace. Evidentemente Brandon in questo periodo è particolarmente ispirato.)

Worst Hip-Hop Album Covers

le 20 peggiori copertine di album hip-hop. ci sono più cose in terra e in cielo, Oraz-YO, di quante ne sogni la tua filosofia.

Darkstar

i darkstar, dopo le bellissime squeeze my lime e need you, riappaiono con la nuova aidy’s girl is a computer. attendiamo l’album.

Bruce Haack, l’uomo del retro-futuro

bruce-haack

bruce haack è giustamente considerato un grande pioniere dell’elettronica e del synth-pop, inventore di futuristici aggeggi elettronici (come il dermatron, che generava suoni al contatto con la pelle umana), autore di canzoni per bambini e di musica psichedelica. qui la storia della sua vita. esiste anche un documentario dal titolo bruce haack, king of techno, che purtroppo non ho mai visto ma consiglio la visione del trailer per farsi un’idea.

ma quello che rende bruce haack davvero incredibile è che viene prima del gruppo che ha cambiato la storia della musica, e cioè i kraftwerk. infatti electric lucifer, il suo apice – un calderone magico di filastrocche da freak, basi elettroniche, vocoder, acid-rock-pop & psichedelia – è del 1970.

perchè una cosa è essere pionieri dell’elettronica producendo suoni spaventosi e inascoltabili – cosa che comunque si apprezza – un’altra, ben più difficile, è essere pionieri facendo volksmusik, ovvero musica popolare, per citare i kraftwerk.

dermatron

bruce haack e il dermatron

e infatti anche loro sono diventati davvero rivoluzionari solo dopo autobahn, mentre prima erano “solo” uno dei migliori gruppi kraut-rock in circolazione.  non a caso i fan più estremisti e ingenui parlarono di svolta pop, di svolta commerciale. ma i fan più estremisti e ingenui a un certo punto parlano sempre di svolta pop e svolta commerciale perché non capiscono, gli stolti, che è proprio in quel momento in cui si unisce avanguardia e pop che si sta facendo qualcosa di davvero interessante.

così fece bruce haack, senza però diventare troppo famoso, così fece il commendatore giorgio moroder, e ovviamente così fecero, più di tutti, i kraftwerk. music non stop, techno pop.

ora, siccome lo stesso bruce haack sognava un tempo in cui le persone avrebbero creato e condiviso la loro musica “secondo modalità elettroniche e senza l’intermediazione delle etichette discografiche, fino alla comunicazione telepatica dei suoni”*, vi segnalo che “electric lucifer” è scaricabile da qui, mentre qui si trova la raccolta “hush little robot”. godete.

e a proposito di godere, vi ricordo che il 18 luglio 2009 i kraftwerk sono in concerto a livorno. al grido di “viva la centrale elettrica e abbasso le luci della”, guylum bardot, salvo annullamenti o tragedie aeree, presenzierà.

UPDATE: ho visto il documentario king of techno